Vendere un’app su App Store, il punto

Dopo mesi di silenzio e un po’ di numeri in più sono in grado di fare un punto della situazione più preciso per quel che riguarda le vendite su App Store.

Prenderò come esempio La Costituzione Italiana, applicazione che ho iniziato a sviluppare nel 2009 e che ad oggi è arrivata alla versione 2.0 con molte novità e dei buoni numeri di vendita.

Cosa offre quest’app?
Si può consultare tutta la Costituzione Italiana, articolo per articolo. Aggiungere ogni singolo articolo ai preferiti e condividerlo su Facebook, via email o copiando nei clipboard il testo.

I preferiti sono sincronizzati su iCloud, per chi ha iOS5 e l’app è universale per iPhone e iPad.

Quindi come si può vedere quest’app è abbastanza completa e fa bene il suo lavoro.

Per sopperire alle spese di sviluppo è stato inserito un banner iAD e la possibilità di rimuovere lo stesso in modo permanente a 0,79€ tramite InApp Purchase.

Ora, veniamo ai numeri.

Dal 2009 ad oggi l’app è stata scaricata da circa 120.000 utenti.
Ogni giorno l’app fa circa 1500 richieste di banner ad Apple e ne vengono soddisfatte dal 50 al 20%.

Purtroppo iAD non è molto remunerativo. Il CMP è basso circa 1$.

Alla fine della giornata si hanno guadagni che oscillano da 2$ a 0$.

InApp Purchase non è da meno. Circa 2 utenti la settimana acquistano l’iAD Removal, quindi significa che in una settimana i guadagni oscillano da 0,96€ a 0€.

Ci sono stati anche dei momenti d’oro, quando, un anno fa, iAD ha avuto un periodo di circa 2 mesi in cui il CMP era molto alto (10$ o poco meno). In questo periodo ho avuto guadagni che sfioravano i 6$ il giorno. Poco, ma almeno un po’ di soddisfazione c’era.

So che posso fare molto di più e che, forse, la scelta migliore sarebbe stata quella di mettere l’app a pagamento. Non si smette mai di imparare ;)

Spero di avervi dato qualche informazione in più per poter valutare come procedere con i vostri progetti.

Buona programmazione!

Il problema degli sviluppatori iPhone indipendenti

Spesso mi trovo a parlare con colleghi o amici riguardo a idee da poter portare su iPhone..
La maggior parte delle idee sono pure buone, e probabilmente potrebbero portare dei guadagni.

E allora mi chiedono: perché non le sviluppi?

Semplice, costano troppo. Sembra un paradosso ma è così.
Sviluppare un’applicazione per iPhone, di una certa complessità, prende molto tempo e nel nostro campo vale l’equazione tempo = denaro.

Spendere uno o più mesi nello sviluppo di un’idea è troppo oneroso per un indipendente, specialmente se l’unico investimento è il tempo.

E sviluppare nel tempo libero? Si può fare.. Ma i tempi si allungano esponenzialmente (e pure lo stress) e si rischia che qualcuno sviluppi prima l’idea.. E allora si butta via il tempo perso..

Quale è quindi la soluzione?

Una potrebbe essere quella mettere su una squadra di sviluppatori.. Però non è facile trovarli e non è facile coordinare il tutto..

L’altra soluzione è quella di sviluppare applicazioni piccole e veloci. Però servono idee geniali..

Non è semplice quindi la vita dello sviluppatore indipendente.

Che ne pensate?