Swift – Usare i constraint creati da Storyboard via codice

Se anche voi, come me, fate uso intenso di Interface Builder, Xib e Storyboard vi sarete accorti che su xCode manca un metodo per poter riferirsi ad un constraint specifico a meno di non utilizzare @IBOutlet per ogni singolo elemento.

La cosa che più mi disturba è il non poter avere dei riferimenti a quelle proprietà molto utili come la dimensione o la posizione di una View. Mi spiego.
Prima di Autolayout potevamo semplicemente scrivere una cosa del genere (ipotetica):

view.height = 100
view.width = 200

Adesso invece se dobbiamo modificare la dimensione di una View dobbiamo prima creare i constraint, poi connetterli con @IBOutlet e infine possiamo modificarli. Proprio per il concetto di Autolayout è giusto che sia così ma tutti questi passaggi li ritengo troppo lunghi e quindi ho cercato una soluzione più comoda.

Ogni NSLayoutContraint ha un Identifier, quindi è possibile cercare e trovare il contraint assegnando un semplice identificativo da Interface Builder.

UIView ha un proprietà: .constraint che include tutti quelli assegnati, quindi possiamo ciclare e cercarne uno specifico.
Però non basta, perché specifici constraint non stanno all’interno della View al quale sono assegnati ma alla View genitore.

Prendiamo come esempio una UIView chiamata “container”. Se agganciamo un constraint Top, quest’ultimo sarà inserito nella superview.

Quindi è necessario ricercare i constraint in modo più intelligente, andando a interrogare sia le view che le subviews.

Ho creato una extension di UIView che ci permette di fare tutto questo in modo semplice, ma non solo, ho creato un sistema predefinito di chiavi da utilizzare nel nostro progetto: top, bottom, leading, trailing, height, width, xAlign, yAlign. Ed è possibile accedere direttamente a tutti questi constraint tramite delle semplici proprietà.

Il progetto è su GitHub e si chiama StroryboardConstraint. Sono benvenute tutte le critiche e i suggerimenti.

Utilizzarlo è molto semplice, basta includere la extension nel progetto, assegnare gli identificativi tramite Interface Builder e poi accedere alle proprietà:

customView.heightConstraint?.constant = 200
customView.topConstraint?.constant = 20

Si può anche accedere ad un constraint con un identificativo specifico:

view.constraint(withIdentifier: "customWidth", searchInSubviews: true)?.constant = 50

[EDIT]

Ho appena aggiornato la libreria. Adesso non c’è più bisogno di configurare alcun identifier. L’estensione è in grado di riconoscere automaticamente il constraint richiesto.

Inoltre ho aggiunto un nuovo metodo per avere tutti i constraint di un certo tipo ordinati per priorità:

view.constraints(withAttribute: .height)

Spero apprezziate e non esitate a inviarmi i vostri commenti!

ImageSlideShow Swift su CocoaPods

Ieri ho pubblicato il mio primo Pod. Si tratta di ImageSlideShow per iOS scritto completamente in Swift che potete trovare sia in versione 2.3 (non-pod) che in versione 3.0.

Come installarlo

Dovete installare CocoaPods tramite linea di comando:

$ gem install cocoapods

È richiesto CocoaPods 1.0.1+, Swift 3 e Xcode 8.

Adesso create il Podfile

Per integrare ImageSlideShow dovete specificare nel Podfile:

source "https://github.com/CocoaPods/Specs.git"

platform :ios, '9.0'

target 'TargetName' do
	use_frameworks!
	pod 'ImageSlideShowSwift'
end

Quindi potete avviare il comando:

$ pod install

Come usarlo

1. Importa il modulo ImageSlideShowSwift

2. Instanzia il controller

ImageSlideShowViewController.presentFrom(self){ [weak self] controller in

	controller.dismissOnPanGesture = true
	controller.slides = self?.images
	controller.enableZoom = true
	controller.controllerDidDismiss = {
		print("Controller Dismissed")
	}

}

Ogni oggetto immagine deve rispondere al protocollo [ImageSlideShowProtocol].
Puoi guardare il progetto Demo per avere un riferimento più chiaro.

Per maggiori informazioni potete sempre andare sul sito GitHub.

Sentitevi liberi di dare feedback e consigli!

Come diventare un programmatore iOS Swift

In molti mi chiedono come poter diventare programmatori iOS e quali sono i passi da fare.
Il mio consiglio ad oggi è quello di concentrarsi sul linguaggio di programmazione Swift al fine di averne la piena conoscenza.

Sono convinto che questo linguaggio si espanderà molto fino ad arrivare anche su altre piattaforme in modo produttivo e quindi conoscerlo ed averne la maestria sarà un grande vantaggio.

Ma perché proprio Swift?

Il nuovo linguaggio ideato da Apple sta riscuotendo un grandissimo successo ma alla base c’è una scelta ponderata. Ad oggi Swift è il linguaggio di programmazione di default per i sistemi Apple, non obbligatorio ma con il tempo il supporto ad Objective-C sarà sempre meno frequente.

Questo non significa che non dobbiate conoscere almeno i principi di programmazione Objective-C. Anzi, sarà fondamentale per comprendere alcuni framework e per poter essere in grado di lavorare anche su codice più datato.

Se il vostro obiettivo è quello di lavorare nel mondo delle applicazioni iOS dovrete essere preparati nel caso in cui vi sarà richiesto di mettere le mani su applicazioni già esistenti che nel 90% dei casi saranno scritte in Objective-C.

I primi passi da fare

Questo articolo è scritto per chi ha già una base di conoscenza della programmazione ad Oggetti e dei pattern più usati come MVC (Model-View-Controller).

A questo punto potete addentrarvi nel magico mondo Apple e la prima cosa da fare è studiare la documentazione sull’architettura di iOS.
Una volta appresa potete passare alle linee guida di design di iOS e come ultima parte le linee guida del Review Team che per renderla più interessante e alla portata di tutti, Apple ne ha anche creato una versione a fumetto.

A questo punto potete passare allo studio dei linguaggi di programmazione, Swift e Objective-C.

Libri

Il primo libro da leggere è sicuramente la Guida di Apple su Swift che è possibile anche avere in versione iBook, totalmente gratuito.

Una volta presa dimestichezza con il linguaggio potete iniziare e leggere il libro Advanced Swift di objc.io che personalmente lo reputo una piccola perla insieme a Functional Swift sempre di objc.io. Questi due libri hanno un prezzo di $ 39,00 l’uno.

Da tenere presente anche i libri di Ray Wenderlich che spaziano dallo sviluppo di applicazioni fino a quello di videogiochi.

Video

Ogni anno Apple organizza la WWDC (World Wide Developer Conference) che è un evento molto importante per ogni sviluppatore. All’interno di questo evento vengono solitamente presentati i nuovi sistemi operativi e le ultime tecnologie. Durante i 5 giorni vengono fatti degli speech su argomenti ben precisi riguardanti le novità appena introdotte. Potete vedere quindi tutti i loro video sul portale Apple Developer.

Alla Stanford University ogni anno organizzano un corso di sviluppo iOS che poi mettono a disposizione a chiunque, lo trovate a vostra disposizione su iTunes.

Anche l’Università di Pisa ha organizzato un corso di sviluppo iOS, non è aggiornato all’ultima versione ma è comunque molto utile. Potete trovarlo anch’esso su iTunes.

Anche Ray Wenderlich nel suo ottimo archivio ha molti video corsi interessanti e che dovete assolutamente vedere.

Corsi

Ci sono moltissimi corsi di formazione per il mondo iOS sia online che offline. Non ho mai avuto l’opportunità di conoscere le persone che li organizzano quindi non so dirmi qual’è il migliore. Vi faccio un elenco di quelli più famosi.

Un progetto molto interessante e che personalmente seguo è Talks.io sempre dei ragazzi di objc.io dove trattano argomenti specifici in Swift cercando di insegnare e discutere sulle soluzioni migliori da adottare durante lo sviluppo.

Se invece siete di Pisa, Lucca, Livorno o d’intorni, nel corso del 2017 ci saranno novità riguardanti lo sviluppo di applicazioni iOS al Talent Garden di Pisa. Se siete interessati a corsi, workshop e seminari potete iscrivervi alla newsletter e riceverete le novità al riguardo.

Blog

Anche di blog che parlano di sviluppo iOS e Swift ce ne sono tantissimi. Personalmente seguo gli issues di objc.io (anche se ad oggi non stanno portando avanti il progetto) e il blog di Ray Wenderlich.

Da tenere sempre a portata di mano è il blog di Apple su Swift così come il blog We ♥ Swift.

Come ultima risorsa ma non meno importante vi consiglio di tenere a portata di mano il link delle Risorse per gli sviluppatori di Apple dove potete trovare sempre le ultime novità.

Se avete domande o ogni altra necessità potete sempre contattarmi.

Swift 3 e la Configurazione Remota

Oggi parleremo di Configurazione Remota o anche Remote Configuration, ma cosa è?

Prendiamo come esempio l’applicazione Costituzione Italiana. Questo genere di progetto ha al suo interno alcune tecnologie basilari come Google Analytics, Arena Daemon e altri servizi esterni.
Cosa accade se ad un certo punto volessi disattivarne uno? Esatto, dovrei fare una nuova build e inviarla ad Apple.

Se volessi fare dei test A/B sarebbe un vero dramma.

La soluzione è avere una configurazione remota. L’app quindi prima di avviare i servizi controlla un file di configurazione remoto ed applica i comportamenti indicati.

Sul mio server ho inserito un piccolo file JSON:

{
	"enableGoogleAds": true,
	"enableGoogleAnalytics": true
}

L’app quindi si comporterà in base a questi due valori.

A questo punto non ci rimane che scrivere il codice Swift e per l’occasione ne approfitteremo per iniziare a scrivere qualcosa nella sua ultima versione, la 3.

Creiamo quindi una classe chiamata RemoteConfiguration.
Dovrà utilizzare il pattern Singleton così da avere una singola istanza per tutta la vita della nostra app.

class RemoteConfiguration {
	static let sharedInstance = RemoteConfiguration()
}

Aggiungiamo poi una proprietà chiamata baseURL:URL che andremo a configurare in un secondo momento. Poi ci serve un metodo che ci permette di recuperare il file. Questo è il momento giusto per utilizzare una callback, quindi creiamo un metodo chiamato configuration e come argomento deve accettare una closure di questo tipo: (dictionary:[String:AnyObject]))->().

class RemoteConfiguration {
	static let sharedInstance = RemoteConfiguration()
	var baseURL:URL?

	func configuration(handler:@escaping (_ dictionary:[String:AnyObject]?)->()) {

	}
}

La logica che ho pensato è questa: Se i dati non sono mai stati scaricati vado a recuperarli dall’URL indicato,  se invece li ho già scaricati non farò alcuna chiamata al server ed utilizzerò i dati in memoria.
Per farlo serve una proprietà privata configurationDictionary in cui salveremo i dati.

class RemoteConfiguration {
	static let sharedInstance = RemoteConfiguration()
	var baseURL:URL?

	private var configurationDictionary:[String:AnyObject]?

	func configuration(handler:@escaping (_ dictionary:[String:AnyObject]?)->()) {

	}
}

Adesso andiamo a creare la magia.
Per convenienza ho scritto una piccola classe chiamata Request che si occupa di scaricare i dati dalla rete in modo asyncrono, la troverete nel file Playground.

Request ritorna un oggetto Data che andremo a convertire in un dizionario usando la classe JSONSerialization e il metodo jsonObject.
Questo metodo solleva un’eccezione ma in questo momento non ci interessa controllare l’eventuale errore e quindi  possiamo utilizzare try? in modo da avere un oggetto Optional. In alternativa avremmo dovuto utilizzare un blocco do {} catch {}.

class RemoteConfiguration {
	static let sharedInstance = RemoteConfiguration()
	var baseURL:URL?
	
	private var configurationDictionary:[String:AnyObject]?
	
	func configuration(handler:@escaping (_ dictionary:[String:AnyObject]?)->())
	{
		guard let baseURL = baseURL else { assertionFailure("URL cannot be nil"); return }
		
		if let configuration = configurationDictionary
		{
			handler(configuration)
		}
		else
		{
			Request.url(url: baseURL, completion: {
				data, error in
				
				if let data = data, error == nil
				{
					if let json = try? JSONSerialization.jsonObject(with: data, options: .allowFragments) as? [String:AnyObject]
					{
						handler(json)
						return
					}
				}
				
				handler(nil)
				
			})
		}
	}
}

È arrivato il momento di provare il nostro codice, configuriamo RemoteConfiguration e richiediamo i dati:

let rc = RemoteConfiguration.sharedInstance
rc.baseURL = URL(string: "http://localhost/pills/p-01/remote-config.json")
rc.configuration { configuration in
	if let configuration = configuration
	{
		debugPrint(configuration)
	}
}

Se tutto è andato bene dovremmo vedere nel debugger la stampa del dizionario:

["enableGoogleAds": 1, "enableGoogleAnalytics": 1]

Questa classe è un ottimo punto di partenza nella nostra implementazione di una configurazione remota. Personalmente la trovo davvero molto utile per fare test A/B e per attivare o disattivare funzionalità o servizi senza dover ricompilare tutto.

Ovviamente è un punto di partenza, ci sono molte ottimizzazioni da poter fare e funzionalità da implementare. Potrebbero essere argomento nei prossimi articoli.

Potete scaricare il file Playground da GitHub.

Happy coding!

ImageSlideShow uno Slideshow Controller in Swift per iOS

Ho deciso di iniziare a condividere parte del mio codice su Github per migliorare le mie skills su Swift e per aprirmi ad un mondo nuovo, quello dell’OpenSource.

Ho quindi fatto l’upload del progetto di ImageSlideShow, un ViewController che fa da Slideshow per le immagini.

Il suo funzionamento è molto basilare ma è applicabile in pratica a qualsiasi applicazione.
Trovate tutte le informazioni su Github.

Di lavoro ce né ancora molto ma sono comunque soddisfatto. Spero che apprezziate e che iniziate ad utilizzarlo.

Happy coding!